Bassa autostima.

Introduzione

Fare esperienza nella vita è importante. Imparare direttamente sulla nostra pelle è fondamentale. Il vero apprendimento passa attraverso l’esperienza diretta. Per aumentare una bassa autostima bisogna fare nuove esperienze che poco alla volta modificano il giudizio che abbiamo di noi stessi. In questo articolo voglio spiegarvi come la buona autostima si costruisce poco alla volta concedendosi di fare esperienze, provare, sbagliare, capire cosa dobbiamo modificare e ripetere.

Autostima e esperienze

Cosa si intende per autostima? Mi riferisco al livello di fiducia, apprezzamento, stima, soddisfazione che sentiamo per noi stessi. Una buona autostima non consiste nel sentirsi infallibili o onnipotenti, ma avere una realistica visione di se stessi fatta di pregi e difetti e avvertire una buona fiducia nella possibilità di raggiungere gli obbiettivi che abbiamo in mente. Questa fiducia non nasce in noi spontaneamente ma si costruisce nel tempo facendo esperienza diretta che siamo in grado di affrontare e risolvere le piccole e grandi difficoltà della vita.

Fare o pensare?

Quando facciamo qualcosa concretamente, non solo riflettendo o pensandoci, i ricordi si fissano in maniera più forte nella nostra memoria. Se poi la stessa esperienza o comportamento la ripetiamo più volte essa si fissa così in profondità nella nostra memoria inconscia da diventare automatica. La stima di noi stessi si basa proprio sul vedere concretamente che possiamo riuscire a fare ciò che abbiamo in mente, a realizzare i nostri obiettivi, partendo da cose semplici. Questo percorso inizia da bambini; i genitori devono quindi sostenere ed accompagnare i figli ma devono anche lasciarli liberi di fare esperienze e fare i propri errori! Ecco perché chiudere i figli in una campana di vetro è sbagliato!!

Ovviamente anche pensare e riflettere è importante, soprattutto quando abbiamo cercato di fare qualcosa ma abbiamo commesso degli errori; è importante in questo caso prendersi del tempo per pensare ai motivi per cui abbiamo sbagliato e elaborare nuove strategie. Tuttavia a volte il pensare troppo diventa una difesa per non affrontare la paura di agire e di sbagliare! Ricordiamoci sempre che tutti commettiamo errori! E’ attraverso gli errori che si impara.

Le esperienze emotive correttive

Per capire meglio il concetto che oggi voglio passarvi provo a fare un esempio. Immaginiamo di voler giocare a tennis per la prima volta; non avendo mai preso lezioni da un maestro iniziamo ad impugnare la racchetta in un modo tecnicamente sbagliato. Così continueremo ad usare quell’impugnatura per molte volte, magari mesi o anni, facendola diventare per noi naturale, automatica. Prima o poi potremmo accorgerci dell’errore, magari perché ci duole il polso o perché qualcuno ci fa notare che con quell’impugnatura non ottimizziamo i colpi. Quindi a questo punto dovremo prima osservare e riflettere su come modificare questa abitudine sbagliata e poi ripetere tante e tante volte i nuovi movimenti fino a farli diventare un’abitudine. Questo fatto richiede tempo ed energie anche perché il nostro cervello è “abitudinario”, non gli piace cambiare perché il cambiamento richiede sforzo e energie.

Questo principio vale per tutti gli aspetti della vita. Se ad esempio ho accumulato delusioni e fallimenti nella vita relazionale, mi aspetterò che anche il prossimo rapporto sarà una delusione! Anche in questo caso dovrò accorgermi di come io stesso contribuisca a questi fallimenti, mettendo in atto dei comportamenti di cui spesso non si è neanche coscienti. Potrei ad esempio accorgermi che scelgo sempre lo stesso tipo di partner, con gli stessi tipi di caratteristiche psicologiche e atteggiamenti! Avrò quindi tutta una serie di rapporti “fotocopia”, ripetendo sempre lo stesso copione; Sigmund Freud chiamava questo meccanismo inconscio “coazione a ripetere”.

Quindi per prima cosa dovrò diventare consapevole dei miei “meccanismi” e automatismi mentali riflettendo, poi dovrò provare a sperimentare nuovi tipi di partner e comportamenti. A questo punto se tutto funziona inizierò ad accumulare nuove esperienze emotive e affettive più soddisfacenti. Queste nuove esperienze è come se “correggessero” le esperienze precedenti e vengono definite esperienze emotive correttive ( F. Alexander, 1946).

Bassa autostima: migliorarla richiede tempo.

Ti apparirà ora chiaro perché crescere e cambiare è un processo lungo; bisogna infatti collezionare un numero significativo di nuove esperienze positive che rinforzino le nuove abitudini e si sostituiscano alle vecchie.

Ecco perché quando stiamo cercando di migliorarci in qualcosa, di crescere, di cambiare dobbiamo avere pazienza con noi stessi; non basta una sola volta per cambiare un atteggiamento o un comportamento, ma dobbiamo ripetere più volte la stessa esperienza perché diventi inconscia e automatica.

Concediamoci quindi la possibilità di sbagliare, perché sbagliare è normale ed è solo attraverso gli errori che possiamo imparare.

Conclusioni

Migliorare la stima comporta necessariamente cambiare qualcosa, nel modo in cui pensiamo a noi e nelle emozioni e sentimenti che proviamo prima di tutto verso noi stessi.

Per farlo dobbiamo metterci in gioco, provare, sperimentare, fare errori, valutare cosa funziona e cosa no, e poco alla volta collezionare nuove esperienze che si sostituiscano a quelle vecchie. Tutto ciò richiede tempo e impegno ma la soddisfazione finale è impagabile!

Hai dubbi o domande?

Cerchi uno psicologo a Torino? Contattami al 333/2176670 o scrivimi a questo indirizzo email:

michele.verrastro@gmail.com

Vuoi sapere in cosa consiste la psicoterapia?

Leggi l’articolo che trovi in questo link: https://www.musicaeterapia.it/psicoterapeuta-psicoterapia-torino/

Depressione: cause e rimedi

Volto di una persona con umore triste e depresso. Frase che ribadisce che è possibile uscire dalla depressione. tramite l'auto di uno psicologo attraverso una psicoterapia
Viso di una persona triste e depressa. La depressione è una malattia ma è possibile uscirne attraverso l'aiuto di uno psicologo in un percorso di psicoterapia.
Psicologo torino depressione

Nel mio lavoro di psicologo a Torino capita che i pazienti presentino sintomi depressivi. Molto spesso in realtà non si tratta di una vera e propria depressione ma solo di “tratti”, sfumature caratteriali o piuttosto comportamenti che richiamano il quadro depressivo.

Depressione o tristezza?

E’ importante infatti distinguere tra tristezza e depressione vera e propria: può capitare che un periodo di vita difficile ci faccia sentire tristi. Magari perdiamo il lavoro o ci lascia il fidanzato/a e sicuramente il nostro umore diventa nero per questo. Ma questo non vuol dire essere depressi. La tristezza infatti non è una malattia ma una delle emozioni di base presenti in tutti noi; quindi in questi casi non va curata con i farmaci ma solo affrontata e gestita.

Infatti nel nostro parlare comune si sente spesso usare la parola “depressione” senza sapere bene di cosa si sta parlando. Si sente spesso dire “oggi mi sono svegliato male, sono spento e depresso” …. oppure “ieri la mia squadra di calcio del cuore ha perso la partita e oggi mi sento depresso!”. Il termine depressione è quindi entrato nel nostro linguaggio comune e spesso viene usato a sproposito.

Depressione: i sintomi

Esistono diversi tipi di depressione ed è molto importante che la diagnosi sia fatta da un clinico esperto nel settore come uno psicologo psicoterapeuta o uno psichiatra. Ci tengo a sottolineare questo punto perché la depressione è una malattia vera e propria fonte di forti sofferenze ed è importante cercare già dall’inizio di avere una diagnosi precisa in modo da poter scegliere il giusto percorso di cura.

In questo articolo quando parlo di depressione mi riferisco alla depressione maggiore che tra le forme depressive è quella più conosciuta e diffusa in Italia.

Depressione maggiore

Si può definire come un disturbo della sfera emotiva, da distingue dalla demoralizzazione e tristezza per intensità e durata dei sintomi, che porta alla riduzione delle capacità relazionali, lavorative ed affettive della persona. Il sintomo principale è la perdita di interesse verso tutte le attività che prima creavano piacere e interesse nel soggetto; poi si registra un appiattimento del tono dell’umore, apatia (calo di interesse e partecipazione sia intellettuale che affettiva), astenia (sensazione di esaurimento fisico e psichico) disturbi del sonno, disturbi dell’appetito, disturbi gastrointestinali e sintomi cognitivi (riduzione dell’attenzione e concentrazione) . Tutti questi sintomi devono essere presenti per almeno due settimane. Colpisce nel mondo il 4,4 % della popolazione e a soffrirne sono soprattutto le donne, circa due o tre volte di più degli uomini. In italia sono circa 3 milioni le persone che ne soffrono. L’impatto economico di questa malattia nel nostro Paese è di 4 miliardi di euro all’anno.

Cause e rimedi

Riguardo alle cause oggi la ricerca è orientata per un’ origine multifattoriale: ci sono cioè diversi aspetti che intervengono e interagiscono. La genetica gioca un ruolo ma sicuramente è parziale, così come la familiarità. Sono invece particolarmente importanti tutte le condizioni (a partire dalla vita fetale) di esposizione a stress, traumi, abusi, abbandoni, maltrattamenti, perdite affettive. Altri aspetti che possono influire sull’emergere di un disturbo depressivo maggiore sono l’abuso di sostanze, disturbi del sonno e l’alimentazione sbagliata. Quindi non c’è un’unica causa ma un’insieme di fattori che si sommano.

Come si cura la depressione maggiore? E’ possibile uscire dalla depressione? Come ho scritto all’inizio di questo articolo è importante prima di tutto una diagnosi corretta e accurata. Può essere utile l’utilizzo di farmaci almeno nel primo periodo se lo psichiatra lo ritiene necessario. Per comprendere però le cause profonde, affrontare i nodi psicologici sottostanti e cercare di uscire dalla depressione è fondamentale iniziare una psicoterapia con uno psicologo psicoterapeuta.

Psicologia della persona depressa

Di solito la persona depressa si percepisce come incapace di ricevere attenzione e amore, non degna di ascolto e di poter esprimere i propri bisogni emotivi più intimi e profondi. Si ritiene non adeguata e in diritto di essere accettata per quello che è e può dare. Spesso non si sente all’altezza delle situazioni trovandosi quindi a rinunciare ed arrendersi perché non pensa di meritare di raggiungere traguardi e soddisfazioni. Avverte spesso sensi di colpa per i propri bisogni e forte disprezzo o odio di sé. Tutto ciò chiaramente impatta negativamente sull’autostima che è quindi molto bassa.

E’ importante chiarire che queste caratteristiche psicologiche possono essere presenti sia in una persona con una diagnosi di depressione maggiore che in una persona che ha una personalità che funziona in modo depressivo oppure che ha dei tratti depressivi.

Ci sono quindi persone che non rientrano nel quadro della depressione maggiore ma hanno un modo di leggere la realtà e vivere che è depresso.

Psicoterapia della depressione

Esistono due modi generali di affrontare la depressione durante una psicoterapia; si può lavorare sulla gestione dei sintomi e sull’origine oppure sulle cause psicologiche e relazionali/familiari di questo disturbo e sulle dinamiche che lo mantengono. Per mia esperienza e formazione preferisco lavorare il più possibile sul secondo approccio perché alla lunga è quello che favorisce la conoscenza di se stessi e porta ad un cambiamento e crescita psicologica più profondi.

La storia personale e i rapporti familiari

La cura della depressione attraverso la psicoterapia deve partire prima di tutto dalla ricostruzione della storia di vita del soggetto.

E’ importante capire se ci sono stati altri casi di depressione o di tratti depressivi in famiglia soprattutto perché il paziente potrebbe aver assimilato modi di pensare e di vedere la realtà identificandosi con un genitore o familiare. Infatti quando siamo bambini viviamo inconsciamente i genitori come delle entità perfette e onnipotenti.

Non siamo in grado di metterli in discussione e quindi apprendiamo osservandoli e identificandoci con loro, nel bene e nel male!

Le frasi che i genitori ci hanno detto, i giudizi su di noi o sulla realtà ci entrano dentro, diventano parte delle nostre memorie inconsce e diventano come delle lenti attraverso cui guardiamo il mondo.

Credenze e sensi di colpa

Proprio dalle dinamiche familiari possiamo sviluppare delle “credenze” distorte sulla realtà e sui rapporti, che per questo vengono definite “credenze patogene”. Queste influenzano la nostra autostima e i nostro bisogno sano di realizzarci e godere della vita. Si possono sviluppare anche sensi di colpa inconsci; cioè ci convinciamo in modo inconscio che se diventiamo autonomi o ci affermiamo nella vita qualcuno soffrirà o che non siamo meritevoli di amore e stima, che dobbiamo insomma punirci.

Ma fortunatamente una psicoterapia fatta bene può aiutarci a modificare tutti questi meccanismi e riconquistare la serenità.

Conclusioni

Esistono molte forme di depressione; una delle più diffuse è la depressione maggiore. E’ importante distinguere tra l’emozione della tristezza che fa parte della vita e la vera depressione. Quest’ultima colpisce più le donne che gli uomini e ogni anno crea un forte danno sociale ed economico. L’origine è multifattoriale. E’ possibile guarire affrontando una psicoterapia e se necessario assumere alcuni farmaci ma solo per un periodo limitato e seguendo le indicazioni di uno psichiatra.

Vuoi sapere in cosa consiste la psicoterapia? Clicca qui:

Psicologo torino depressione

Esercito la professione di psicologo e psicoterapeuta a Torino presso il mio studio in via Sostegno n.4. Fammi sapere se hai domande o dubbi su questo articolo o su altri temi psicologici.

Cerchi uno psicologo Torino? Scrivimi o chiamami senza nessun impegno:

tel 3332176670

email: michele.verrastro@gmail.com

Ansia e depressione: la musica come cura

Buongiorno a tutti! Il bello del mio lavoro di psicologo è la possibilità di utilizzare diversi tecniche e strumenti che possano favorire benessere, riducendo ansia,stress e depressione.

In questi casi la musica è di grande aiuto!! Tante ricerche testimoniano ormai l’efficacia della musica nel modificare il nostro stato emotivo poiché agisce direttamente sul corpo e sul cervello.

Scegliere il brano giusto

Ecco il brano che vi presento oggi: Rod Stewart “Have you ever seen the rain”

Questo brano è diventato ormai un classico della musica rock-pop americana, anche se in questo caso si tratta di una cover.

Quando lo utilizzo nel mio lavoro di psicologo e musicoterapeuta ho notato che induce una sensazione di contenimento, rassicurazione, quasi una coccola! Però ha anche una forte componente incoraggiante ed è in grado di trasmettere fiducia.

La fiducia è un tema molto importante che prima o poi emerge in un percorso psicologico che mira a risolvere sintomi come ansia e depressione; intesa come fiducia in se stessi, nelle proprie possibilità, risorse e potenzialità. Solo se impariamo a fidarci di più di noi stessi potremmo allora fidarci degli altri.

Per far questo è necessario però sperimentare una relazione terapeutica in grado di modifica le aspettative negative circa se stessi ed il mondo; infatti anche se ce ne rendiamo conto razionalmente a volte non riusciamo a rilassarci nelle relazioni, ad abbassare le difese perché nella nostra storia (in particolare nell’infanzia) abbiamo accumulato esperienze che ci hanno insegnato a dubitare delle intenzioni degli altri e a svalutarci.

Se vuoi provare dal vivo i benefici della musicoterapia viene al workshop del 2 marzo dove sperimenteremo tre tecniche integrate capaci di migliorare il benessere psicofisico: Musicoterapia-Mindfulness-Intelligenza Emotiva;

ecco il link con le informazioni sul workshop:

#psicologo #psicologotorino #ansia #depressione #musicoterapia

La rabbia (video n.5): rabbia e rigidità del carattere.

In questo video riprendo a parlare della gestione della rabbia e della stretta relazione con la rigidità come tratto caratteriale. Per alcune persone è molto difficile cambiare il proprio punto di vista o anche solo modificarlo un po’ poiché vivono questo fatto come un tradimento verso se stessi, una perdita di una parte della propria identità. Ciascuno di noi guarda la realtà attraverso dei filtri che in psicologia vengono chiamati schemi, spesso inconsci; più sono rigidi più tenderemo ad accumulare frustrazione che si ripercuoteranno necessariamente sulla sfera lavorativa e relazionale.

La creatività ed il piacere possono aiutarci a trovare un potente antidoto contro l’accumulo della frustrazione aiutandoci così a migliorare la qualità della nostra vita.

 

Il senso di colpa, che senso ha?

 

Tutti prima o poi lo abbiamo sperimentato….arriva nei momenti più inaspettati, magari in quelli più piacevoli, proprio quando stiamo bene o ci succede qualcosa di positivo. Ma perché? Siamo forse masochisti?

La buona notizia è che possiamo liberarcene!

Naturalmente esiste anche un senso di colpa sano, forse sarebbe meglio chiamarlo senso di responsabilità o di giustizia legato sia alle regole morali che abbiamo appreso dal contesto sociale (famiglia, scuola, amici, ecc..) che all’etica  personale (cioè il senso del giusto o sbagliato che è insito in noi, frutto di riflessioni personali e chissà forse in parte innato).  Quando sento di aver intenzionalmente fatto del male a qualcuno, di aver tradito la fiducia delle persone che amo, di non aver rispettato delle regole in cui credo, ecco che allora sentirsi in difetto e responsabili è corretto perché ci permette di prendere coscienza dei nostri comportamenti, delle conseguenze che hanno e di imparare così a correggere il nostro comportamento per la prossima volta; infatti tutti sbagliamo e non è una colpa!!

Il vero senso di colpa infatti è un’altra cosa. Se ci torturiamo per cose su cui non abbiamo una responsabilità diretta, oppure non riusciamo a lasciar andare il ricordo di errori del passato che ci perseguitano nel presente, continuando a rivivere quei momenti, allora si parla di senso di colpa patologico.

infatti in questo caso può indicare una nostra tendenza inconscia a cercare di avere un controllo eccessivo di noi stessi e della realtà e una ricerca “onnipotente” di allontanare da noi emozioni, fatti,  nostre “parti” che non ci piacciono che non vogliamo accogliere ed accettare. Intendiamoci: accettare è molto diverso da rassegnarsi; infatti nel primo caso ci sentiamo più leggeri e saggi di prima, mentre nel secondo caso il senso di pesantezza rimane.

Se guardiamo alla storia e alla nostra società il senso di colpa è sempre strato uno strumento molto potente per manipolarci; è uno strumento sia dalle religioni sia dalle istituzioni di potere per controllare e limitare la libertà di pensiero e d’azione delle persone. Infondo quanto male ha fatto il “buonismo” alla nostra società?

I manipolatori cercano di indurre il senso di colpa poiché l’emozione spiacevole associata ci rende arrendevoli e così diventa più facile approfittarsi di noi.

Insomma liberarsi dal senso di colpa inutile significa diventare più liberi, più responsabili di  se stessi, in pratica più adulti.

Lo vogliamo veramente? Vogliamo veramente cogliere le opportunità che ci offre la vita e prenderci carico delle nostre scelte ed azioni?

 

 

Gestire la rabbia

rabbia

Introduzione

La rabbia è un’emozione sbagliata? Possiamo imparare a gestire efficacemente la rabbia?

E’ una delle sei emozioni base (insieme al disgusto, gioia, tristezza, paura, sorpresa) e come tale è stata selezionata dalla natura come strumento utile per la sopravvivenza: se è a rischio la nostra sopravvivenza fisica o psichica questa emozione ci permette di utilizzare le nostre energie fisiche e psichiche per difenderci.

La rabbia: quando non è ben gestita

Il problema sorge quando (a causa di un mix di esperienze passate, educazione, significati psicologici che diamo alle esperienze etc..) la utilizziamo in una maniera non funzionale che alla lunga danneggia noi stessi e i rapporti professionali e personali.

E’ possibile gestire la rabbia?

Si, è possibile attraverso un lavoro personale che include due fasi:

1) accorgerci che ci stiamo arrabbiando: ciò implica la non negazione o l’allontanamento di questa emozione ma, al contrario, un suo riconoscimento ed uno sforzo di accettazione.
Quindi se ci rendiamo conto che la nostra reazione emotiva di rabbia è sproporzionata rispetto all’entità dello stimolo allora è necessario lavoraci per imparare a gestirla.
2) individuare gli schemi mentali che si attivano quando ci troviamo in una situazione che ci genera rabbia.
Infatti ciascuno di noi interpreta gli accadimenti esterni in maniera spesso radicalmente diversa e lo fa attraverso una serie di filtri, credenze, anticipazioni, che guidano poi le nostre azioni.

Riconoscendo e analizzando questi schemi è possibile imparare a gestirli in maniera diversa e poco alla volta integrarli con visioni della realtà più funzionali.

Perché è importante imparare a gestire la rabbia

La rabbia incontrollata danneggia tanto se stessi quanto i nostri rapporti con gli altri, e quando un suo accumulo si trasforma in risentimento può dare origine a somatizzazioni di vario tipo.
Riuscire a gestire meglio la rabbia ci permette quindi di avere una vita più serena, lontana da aspettative irrealistiche e capace di orientarci verso la nostra piena realizzazione personale.

Conclusioni

La rabbia è una delle sei emozioni base che la natura ci ha dato per riuscire a sopravvivere ed evolverci. E’ un’energia fondamentale perché, se ben canalizzata ci aiuta nei momenti difficili della nostra vita dove è necessario realizzare dei cambiamenti.

Se però non è ben gestita diventa un’energia distruttiva poiché può distruggere legami affettivi per noi importanti.

Ho realizzato una serie di brevi video sulla rabbia, ecco il primo: https://www.youtube.com/watch?v=_CRBv2VWEmo&t=17s

L’Assertività: il giusto mezzo

Si sente spesso parlare di assertività…ma in cosa consiste?

Il comportamento assertivo lo possiamo rappresentare come un punto centrale in un segmento, con ad un estremo il comportamento passivo ed all’altro il comportamento aggressivo. Possiamo dire che il comportamento assertivo sia il giusto mezzo!

Chi agisce passivamente mette da parte le proprie esigenze e i propri diritti, subisce le situazioni senza reagire, si assume le responsabilità che non gli competono, non afferma le proprie idee.

Il comportamento aggressivo è tipico di chi tende ad affermare se stesso con arroganza e prepotenza senza prendere in considerazione le opinioni e le esigenze altrui.

assertività

A quale dei due stili ti senti più vicino?

Lo spirito che invece caratterizza il comportamento assertivo è caratterizzato dalla convinzione nelle proprie opinioni e dalla mancanza di remore nell’esprimerle. Chi si comporta in maniera assertiva si assume la completa responsabilità di quel che fa e di quel che dice. Considera importanti le proprie esigenze, diritti, bisogni, e desideri e cerca di soddisfarli. Allo stesso tempo, però, fa in modo che i propri interessi non entrino in contrasto con i diritti ed i bisogni altrui.

Il comportamento assertivo implica il rispetto e l’amore per se stessi e, conseguentemente, amore e rispetto per gli altri perchè solo apprezzando e riconoscendo le qualità che possiediamo possiamo riconoscerle ed apprezzarle negli altri.

Libro consigliato

Francesco Muzzarelli, Assertività. Come comunicare con efficacia nelle situazioni difficili, Ibs 2012.